1 settimana ago

Stefania Alba. Il bello, prima di tutto.

Art director, designer creativa e imprenditrice, Stefania Alba è allo stesso tempo autrice e produttrice di idee originali. Trevigiana di nascita, fiorentina di adozione (ha sposato un fiorentino DOC), solida formazione artistica sin dagli anni del liceo e della scuola di grafica e restauro di Palazzo Spinelli a Firenze, Stefania coniuga alla perfezione i concetti di tradizione e innovazione.

A Firenze apre nel 2010 con il marito, pittore e illustratore, il 166Arte un laboratorio-galleria nel quale nasce l’idea di Brunellesca, il marchio da lei creato e brevettato che è la perfetta sintesi della sua storia d’arte e di vita: l’unione tra bellezza e comunicazione.

Brunellesca, infatti, è un vero e proprio “Brand” fondato sull’esperienza di pubblicitaria e di artista, una linea di accessori – borse e foulard – che Stefania disegna proprio con l’intenzione di collegare in una unica linea colori e forme di artisti contemporanei diversi tra loro per linguaggi espressivi ma con una radice comune: l’appartenenza alla galleria 166Arte, che da quel momento in poi vedrà la nascita di un nuovo genere di arte. L’arte da indossare, appunto. Brunellesca ha una forte connotazione di stile legata al territorio anche da un punto di vista imprenditoriale. Tutta la lavorazione, infatti, avviene in terra Toscana.

Dalla stampa del tessuto alla lavorazione, grazie al talento ed alla esperienza di comunicazione di Stefania, Brunellesca è un insieme di saperi che meritano l’elogio per la loro qualità prima ancora che per l’idea forte alla base del prodotto: l’utilizzo delle opere d’arte come texture inconfondibile. Brunellesca si fa pezzo unico dal momento in cui ogni esemplare è di fatto un’opera a sé, in quanto tagliata e lavorata a mano. Disegni originali ed esclusivi con una manifattura artigianale autenticamente Made in Italy, l’intento di Stefania con Brunellesca You art è quello di scegliere sempre il bello, prima di tutto.

Visita il sito www.brunellesca.com
Foto di Stefano Cellai

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *